Le idee progettuali

Le idee progettuali che sono di seguito delineate sono la base per attività di laboratorio che sono state sperimentate, ma non hanno completato il percorso di messa a punto e di condivisione con un gruppo significativo di insegnanti. La breve descrizione dell'idea rende conto di un lavoro in corso che ha bisogno di tempo ed energie per essere portato a compimento. I materiali necessari per procedere alla realizzazione dei laboratori sono solo in parte selezionati in modo definitivo.

Bisogni, accordi e conflitti

Popolazione target Da 16 a 19 anni

Il laboratorio intende indagare la storia del sindacato in Italia dagli anni del secondo dopoguerra fino ad oggi, con particolare riferimento alle organizzazioni sindacali e alle piattaforme contrattuali dell'industria. I materiali su cui i partecipanti lavorano sono filamti, documenti storici e testi di contratti. L'attività parte dalla raccolta di informazioni e dalla esposizione della sequenza dei principali eventi delle lotte e delle conquiste sindacali. Successivamente i partecipanti incontrano alcuni testimoni privilegiati (delegati sindacali di fabbrica, funzionari ed ex funzionari sindacali, studiosi di storia del lavoro) per interviste di confronto su alcuni temi/problemi emersi dalla rpima fase del lavoro.

Dove li mando?

Popolazione target oltre i 19 anni, giovani, adulti e anziani che frequentano il laboratorio per scelta personale

Gli spilli e le reti

Popolazione target 8-11 anni, secondo ciclo della scuola primaria (e primo anno di scuola secondaria di primo grado)

Il laboratorio indaga sulla storia delle tecnologie di produzione e sui cambiamenti nella organizzazione del lavoro nelle fabbriche e sui cambiamenti della divisione del lavoro tra imprese. I materiali su cui i partecipanti lavorano sono brani tratti da testi di base dell'economia (A. Smith, D.Ricardo, K. Marx, A. Marshall) oltre a documenti di ricerca e materiale multimediale (fotografie, filmati) sulle condizioni di lavoro e sullo sviluppo delle imprese. L'obiettivo è giungere a padroneggiare linguaggi e strumenti di analisi per descrivere l'organizzazione e il funzionamento dei distretti industriali moderni. L'indonrto con un imprenditore e un ricercatore serve per approfondire le conoscenze e affrontare i principali problemi di sviluppo di imprese e di territori fortemente industrializzati.

Il lavoro non è una merce?

Popolazione target 12-16 anni, secondo e terzo anno della scuola secondaria di primo grado, biennio della scuola superiore e formazione professionale iniziale

Il laboratorio parte dello studio e dalla "manipolazione" con l'aiuto di materiale multimediale (fotografie, filmati e interviste filmate) del libro di Luciano Gallino che ha lo stesso titolo del laboratorio. Si prendono in considerazione le forme contrattuali del lavoro dipendente e autonomo a confronto e si considerano le ripercussioni sulla vita dei lavoratori, delle imprese e sul funzionamento generale della società della progressiva riduzione di importanza dei contratti a tempo indeterminato di lavoro dipendente.

Insieme o niente: la collaborazione e il lavoro comune

Popolazione target 12-19 anni

Il laboratorio indaga sulle molteplici forme di relazione tra le imprese di un distretto industriale. I materiali disponibili sono selezionati tra: documenti di ricerca, testi di economia industriale, artcoli di quotidiani e riviste, registrazioni di trasmissioni televisive, interviste videoregistrate. I partecipanti entrano in contatto con un linguaggio e con strumenti di analisi di una situazione complessa entro cui vivono e lavorano, ma di cui difficilmente colgono le molteplici sfacecttature e l'intreccio delle problematiche che emergono.

Inventori e idee geniali

Popolazione target12-16 anni, secondo e terzo anno della scuola secondaria di primo grado,  biennio della scuola superiore e formazione professionale iniziale

Il laboratorio indaga i processi innovativi per discutere quanto di geniale sia prodotto da singoli individui e quanto invece sia frutto di processi sociali complessi e di difficile identificazione. I materiali su cui i partecipanti sono chiamati a lavorare per farsi un'idea e per confrontarla con testimoni privilegiati (imprenditori e studiosi) sono selezionati tra: materiali di ricerca, documenti fotografici e filmati, interviste e trasmissioni televisive.

Lavorare e vivere. Vivere per lavorare

Popolazione target 8-11 anni, secondo ciclo della scuola primaria (e primo anno di scuola secondaria di primo grado

Il laboratorio indaga sulle condizioni di lavoro e sulle relazioni tra il lavoro e la vita quotidiana degli uomini e delle donne. Il centro dell'analisi sono le differenze di genere e i differenti carichi del lavoro di cura. I materiali selezionati sono di avvio delle attività per giungere ad interviste e confronti con testimoni privilegiati.

Macchine da donna e macchine da uomini

Popolazione target oltre i 17 anni

Il laboratorio indaga sulle differenze di genere nell'uso delle tecnologie. In particolare, l'attività parte dalla ricognizione delle macchine che si trovano nelle case, nelle cantine e nei garage dei partecipanti. Non sempre i giovani riconoscono gli oggetti delle loro case come macchinari e specialmente le ragazze sottovalutano anche nella descrizione le capacità loro e delle loro madri nell'uso di macchinai domestici. Successivamente, il laboratorio analizza la distribuzione di genere degli addetti nei diversi settori industriali, nelle diverse posizioni organizzative e nelle professioni. Infine, si considera la differenza di gener all'interno del settore dell'istruzione e della formazione. L'obiettivo è mettere in discussione preconcetti e tradizioni.

Macchine nel bene e nel male

Popolazione target 12-16 anni, secondo e terzo anno della scuola secondaria di primo grado, biennio della scuola superiore e formazione professionale iniziale 

Metter su un'impresa

Popolazione target 17-19 anni, triennio finale scuola secondaria di secondo grado e formazione professionale post obbligo scolastico 

Il laboratorio si inserisce nelle attività di educazione alla imprenditorialità. Il centro delle attività è costituito dalla analisi e dal confronto tra storie di vita e di lavoro di imprenditori e imprenditrici specialmente dei settori industriali (meccanico e abbigliamento), al fine di disporre di informazioni sulle carriere che effetivamente hanno portato alla creazione di imprese. La storia della proprietà di imprese industriali, con analisi dei cambiamenti che le successive generazioni hanno introdotto, serve per considerare il "mestiere" di imprenditore come carriera che può avviarsi in tanti modi differenti.